Passa ai contenuti principali

SRL unipersonali: i rapporti tra socio unico e società. Chi rischia?

 


Le società a responsabilità limitata (SRL) possono essere costituite da un unico socio, possessore dell'intero capitale sociale.

Ha un senso la costituzione di una società di questo tipo, la cui responsabilità del socio è limitata al capitale conferito, se il socio assume la figura di socio di capitale attribuendo l'amministrazione a uno o più soggetti diversi.

Nel contesto delle micro imprese si assiste spesso alla gestione diretta come amministratore dell'unico socio: l'amministratore svolge un ruolo delicato e foriero di rischi di diversa natura, pertanto può essere chiamato in causa con azioni di responsabilità che non tutelano, quindi, il patrimonio personale del socio unico.


I rapporti tra la società e il socio unico

Qualsiasi tipo di rapporto (lavorativo, patrimoniale, contrattuale, ecc…) è bene che venga reso formale con atti aventi forma scritta.

La forma scritta è fondamentale in un'ottica di opposizione a terzi e verso i creditori sociali.

L'articolo di riferimento è il 2478 Codice Civile.

Questi atti devono preferibilmente essere trascritti nel libro dei verbali del Consiglio di Amministrazione: in caso di amministratore unico tale libro non è obbligatorio anche se a volte, ad esempio, in occasione di revisione di cooperative mi è capitato che sia stato chiesto dal revisore ministeriale.

Se la forma scritta non fosse rispettata non è da escludere una responsabilità piena e solidale tra il socio unico e l'amministrazione societaria.

In generale vige la libertà di tenere qualsiasi tipo di rapporto: si tratta di due soggetti giuridicamente distinti.

Vi sono, comunque, delle eccezioni.

In primis, la società non può concedere prestiti o garanzie finalizzate all'acquisto di quote proprie: in particolare la società non può concedere fidejussioni a favore del socio acquirente di quote e non può accollarsi i pagamenti di coloro che hanno acquistato proprie quote.


Acquisto i beni o crediti del socio

Per i primi due anni dall'iscrizione della società al Registro delle Imprese l'acquisto di beni o crediti dal socio unico deve avvenire a condizioni normali nell'ambito di operazioni di mercato e se il corrispettivo è pari ad almeno un decimo del capitale sociale occorre richiedere una perizia giurata (articolo 2465 Codice Civile).

Se non fosse stata rispettata la norma o gli amministratori avessero fatto valutazioni nel merito differenti dai valori di mercato rischiano, assieme al socio unico, di rispondere illimitatamente per i danni provocati a terzi, ai creditori sociali e al fisco, con il proprio patrimonio.


Crediti del socio unico verso la società

Attenzione che se il socio unico finanzia la società con un prestito e vuole indietro i propri denari deve rispettare la priorità di soddisfazione dei creditori sociali.

Se la società dovesse fallire, la restituzione del finanziamento avvenuta entro l'anno precedente la dichiarazione di fallimento deve essere reintegrata dal socio (revocatoria).

Da quanto scritto sopra emerge, quindi, la necessità di un'attenzione massima nei rapporti tra socio unico e società, sin dalle fasi iniziali di progettazione della struttura giuridica d'impresa.


Commenti

Post popolari in questo blog

La SRL semplificata a confronto con la SRL ordinaria

  ORIGINE DELLA SRL SEMPLIFICATA (SRLS) La società a responsabilità limitata semplificata (SRLS) è stata costituita con la legge numero 27 del 2012, con lo scopo di rilanciare l’occupazione (in particolar modo quella giovanile), inserendo nell’ordinamento giuridico una forma societaria che fosse semplice da costituire. La SRLS, come anche la SRL tradizionale, è una società a responsabilità limitata: questo vuol dire che i soci non sono responsabili con il loro patrimonio personale, per i debiti della società stessa. Quindi se si costituisce una SRL, sia tradizionale che semplificata, le uniche somme che si rischiano di "perdere" sono quelle che si sono investite all'interno della società stessa: nessun creditore della società, per nessun motivo, potrà attaccare il patrimonio personale.   In tal senso, comunque, massima attenzione alla figura degli amministratori e alle possibili azioni di responsabilità, civili e penali, nei loro confronti. PRINCIPALI DIFFERENZE FRA SRL E

Associazioni e legge di Bilancio 2021: obbligatoria la partita IVA?

 Non bastavano i tanti mesi in cui si sono dovute limitare le attività associative per i provvedimenti governativi emanati per fronteggiare l'emergenza sanitaria per la diffusione del virus Covid Sars-19: questo anno 2020 sale alla ribalta delle cronache “del mondo del terzo settore e del no profit” per una vera e propria “minaccia” incombente . Le modifiche sono state introdotte nella legge di Bilancio 2021 sulla spinta di una delle numerose procedure di infrazione sollevate dall'Unione Europea nei confronti del nostro paese: in particolare questa procedura risale al 2010 ed è numerata come 2008. LE MODIFICHE 2021 ALLA NORMATIVA IVA PER LE ASSOCIAZIONI Il disegno di legge di Bilancio 2021, in discussione nei rami del Parlamento, prevede in un articolo una norma che, se approvata, andrebbe a modificare sostanzialmente la normativa IVA per le cessioni di beni e prestazioni di servizi effettuate da : associazioni di interesse pubblico a favore di soci, associati e partecipanti;

La società a responsabilità limitata semplificata (SRLS)

  Indice: Origine della Srl semplificata (Srls) Principali differenze fra Srl e Srls Costi e adempimenti di costituzione Costi di gestione annui Adempimenti contabili Vantaggi e svantaggi Cosa non può fare una Srls Origine della Srl semplificata (Srls) La società a responsabilità limitata semplificata (SRLS) è stata costituita con la legge numero 27 del 2012, con lo scopo di rilanciare l’occupazione (in particolar modo quella giovanile), inserendo nell’ordinamento giuridico una forma societaria che fosse semplice da costituire . La SRLS, come anche la SRL tradizionale, è una società a responsabilità limitata : questo vuol dire che i soci non sono responsabili con il loro patrimonio personale per i debiti della società stessa. Quindi, se si costituisce una SRL, sia tradizionale che semplificata, le uniche somme che si rischiano di "perdere" sono quelle che si sono investite all'interno della società stessa: nessun creditore della società, per nessun motivo, potrà attacca