Passa ai contenuti principali

Il Registro Unico Nazionale del Terzo Settore ai nastri di partenza

 

Il nuovo Registro Unico Nazionale del Terzo Settore (RUNTS), è pronto a fare concretamente il proprio debutto a livello nazionale, è uno strumento individuato dal Titolo VI del Codice del Terzo Settore.

Solo iscrivendosi al registro è possibile definirsi Ente del Terzo Settore (ETS) nonché particolari tipologie di ETS quali le Organizzazioni di Volontariato (ODV) o le Associazioni di Promozione Sociale (APS).

Esiste sia una struttura statale presso il Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali che soprattutto strutture operative presso le singole Regioni o le Province Autonome.

Lo scopo della tenuta di questo registro è di fornire per la prima volta nella storia una sorta di pubblicità e trasparenza a tutti gli ETS, similare a quella in vigore da decenni per le imprese commerciali.

Saranno consultabili da tutti, quindi, i dati di base, sia anagrafici che strutturali, dell'ETS nonché i rendiconti, le relazioni di missione, i bilanci sociali.

Ogni ETS iscritto dovrà dotarsi inoltre di PEC (posta elettronica certificata) e dovrà depositare annualmente bilanci e rendiconti, redatti in maniera uniforme.

Il RUNTS si compone di sezioni, ampliabili in futuro. Quelle previste attualmente:

1.    ODV;

2.    APS;

3.    Enti filantropici;

4.    Imprese sociali, incluse le cooperative sociali;

5.    Reti associative;

6.    Società di mutuo soccorso;

7.    Altri enti del Terzo Settore.

Per iscriversi occorre rivolgersi alle strutture regionali territoriali.

Vanno depositati documenti quali statuto, atto costitutivo, ultimi bilanci prodotti e altri allegati e dichiarazioni del rappresentante legale, schede di progetti sociali.

L'Ufficio ha tempo 60 giorni per accettare, rifiutare o chiedere implementazioni della domanda presentata.

Entro il 30 giugno di ogni anno gli ETS dovranno depositare:

1.    Rendiconti e bilanci;

2.    Rendiconti delle raccolte pubbliche di fondi;

3.    Modifiche delle informazioni anagrafiche e di altre informazioni già comunicate.

E' importante la norma per cui qualsiasi variazione, deposito o iscrizione nel RUNTS è opponibile a terzi entrati in contatto con l'ETS solo dopo l'avvenuta pubblicazione nel Registro stesso a meno che non si provi che i terzi ne erano comunque a conoscenza.

Le ODV e le APS già esistenti saranno iscritte automaticamente nel Registro, ma le strutture territoriali potranno chiedere ulteriori dati mancanti.

Il RUNTS verrà revisionato ogni tre anni e ogni iscritto dovrà mantenere i requisiti per l'iscrizione pena la cancellazione dal Registro stesso.

Ricordo, infine, che competente per ogni decisione del RUNTS è il TAR (Tribunale Amministrativo Regionale).


Commenti

Post popolari in questo blog

Enti No Profit: i controlli del revisore

  Con la riforma del Terzo Settore compare  sempre piu' spesso per un ente non commerciale la necessità o anche la volontà di affidarsi a un organo di revisione. Enti no profit e organo di revisione : un binomio non molto presente nell'ordinamento giuridico italiano ad eccezione degli enti di dimensioni più grandi, aventi natura di ente nazionale o con personalità giuridica. La riforma del Terzo Settore , in corso di attuazione, allarga i confini entro cui questo binomio andrà a concretizzarsi. E', quindi, importante sapere per un ente no profit o anche ETS di dimensioni non rilevanti cosa l'organo di revisione può o deve verificare. Accertamenti preliminari In via preliminare il revisore dovrebbe inquadrare l'ente da sei punti di vista : 1.    assetto organizzativo (organigramma); 2.    patrimonio netto (crediti e debiti, beni durevoli con un valore di mercato, garanzie e fidejussioni, le fonti di finanziamento dell'ente); 3.    attività svolte (progetti, utent

Le società sportive dilettantistiche a responsabilità limitata

 Nel 2002, con la legge numero 289, viene introdotta in Italia una rilevante novità nell'ambito delle forme giuridiche con cui è possibile svolgere l’ attività sportiva dilettantistica . Accanto alla storica forma dell'associazione , l'articolo 90 di quella legge delinea la forma della società di capitali, anche cooperativa . In realtà, il nuovo soggetto ( società sportiva dilettantistica a responsabilità limitata , acronimo SSD a SRL ) ha caratteristiche ibride rispetto al diritto vigente: mantiene la natura di impresa commerciale dal punto di vista tributario , ma deve perseguire un fine non di lucro ovvero lo svolgimento di un’attività sportiva dilettantistica, a rilevante impatto sociale e con agevolazioni rilevanti in ambito tributario, sia ai fini delle imposte dirette che indirette. La scelta di optare per la SSD piuttosto che all'associazione attiene alla necessità di effettuare rilevanti investimenti nella struttura organizzativa in termini di beni materiali